Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Violenza domestica, donne usano parole in codice nelle farmacie durante la quarantena

CNN – Domenica scorsa una donna è entrata in una farmacia nella città francese di Nancy, uno dei pochi luoghi pubblici ancora aperti dopo che il governo ha imposto un blocco a livello nazionale per impedire la diffusione di un virus pericoloso.

Ma la donna non era lì per le medicine; era lì per dire al farmacista che il suo partner l’aveva abusata. Poco dopo, il coniuge della donna fu arrestato dalla polizia.
Mentre la pandemia di coronavirus costringe i paesi di tutto il mondo a prendere misure senza precedenti per limitare il movimento dei loro cittadini , le vittime della violenza domestica si sono improvvisamente ritrovate intrappolate a casa con i loro partner violenti. Alcuni non sono in grado – o troppo spaventati – di chiamare la polizia, dicono gli esperti.

Quindi la Francia, ispirata da un simile schema in Spagna , ha iniziato a dire alle vittime di andare in farmacia. Se non possono parlare apertamente nel negozio, possono semplicemente dire la parola in codice “maschera 19” al farmacista dietro il bancone. La donna di Nancy è stata la prima a chiedere aiuto da quando il governo ha lanciato l’iniziativa a fine marzo, ha detto alla CNN il portavoce di Marlene Schiappa, ministro francese per l’uguaglianza.
Man mano che le misure di blocco in Europa diventano più rigide, enti di beneficenza e forze di polizia stanno sollevando l’allarme per un potenziale picco di violenza domestica . Refuge, un ente di beneficenza britannico leader nella lotta alla violenza domestica, ha detto lunedì che le chiamate alla sua linea di assistenza sono aumentate del 25% da quando sono iniziate le restrizioni al movimento delle persone e che gli hit sul suo sito web sono aumentati del 150%.
Essere confinati a casa con il loro molestatore rende le vittime più vulnerabili, perché non c’è scampo. Inoltre, numerosi studi hanno scoperto che eventi emotivamente stressanti possono portare a un aumento del comportamento aggressivo a casa. I ricercatori hanno identificato tali picchi durante la crisi economica del 2008, quando si sono verificati gravi disastri naturali e anche durante i grandi tornei di calcio .

Christophe Castaner, ministro degli Interni francese, ha dichiarato che c’è stato un aumento del 36% dell’intervento della polizia per casi di violenza domestica a Parigi dopo l’entrata in vigore delle misure di blocco. Il governo ha annunciato che pagherà 20.000 notti nelle camere d’albergo per le vittime di violenza domestica e aprirà centri di consulenza pop-up nei supermercati.
Ci sono notizie preoccupanti anche da altri paesi.
“C’è sempre stata violenza di genere, ma questa crisi rende tutto ancora peggio”, ha detto alla CNN Simona Ammerata, che lavora al ricovero femminile Lucha y Siesta di Roma.
Una giovane donna che ha contattato Lucha y Siesta ha recentemente affermato che il suo compagno di quattro anni era sempre stato il controllo e l’abuso, ma era peggiorato molto durante il blocco. “La dinamica della violenza in casa sta diventando molto grave”, ha detto Ammerata. “Gli ha chiesto di andarsene e lui non vuole. Dice che non ha posti dove andare.”
La crisi della salute pubblica ha travolto l’Italia e le autorità locali sono state costrette a reindirizzare gran parte delle loro risorse per combattere il virus. “Le procedure giudiziarie funzionano più lentamente del solito perché la maggior parte delle persone lavora da casa”, ha aggiunto Ammerata. “La paura è che i decreti legali per proteggere le donne non vengano messi in atto in tempo”.

E il problema non è limitato all’Europa. In Australia, il governo ha affermato che Google ha registrato il maggior numero di ricerche di violenza domestica negli ultimi cinque anni durante l’epidemia, con un aumento del 75%. Il governo ha introdotto un pacchetto da 150 milioni di AUD (92 milioni di USD) per sostenere le vittime di violenza domestica, familiare e sessuale a causa delle ricadute del coronavirus.
Refuge ha affermato che una delle maggiori preoccupazioni è che le vittime potrebbero non essere in grado di denunciare il loro calvario.
“Sappiamo che normalmente la finestra di opportunità per le donne con partner violenti di effettuare una chiamata e chiedere aiuto è spesso molto limitata”, ha affermato Sandra Horley, amministratore delegato di Refuge. “Ora, è probabile che la finestra sia diventata ancora più piccola”, ha aggiunto. Refuge consiglia alle donne di utilizzare la chiamata di emergenza ” Soluzione silenziosa “, che consente alle persone di raggiungere la polizia utilizzando il telefono touch senza la necessità di parlare. Ha anche creato un chatbot.

L’helpline di violenza domestica Telefono Rosa in Italia ha dichiarato di aver ricevuto il 55% in meno di chiamate nelle prime due settimane di marzo perché molte donne hanno avuto difficoltà a chiedere aiuto durante il blocco. Diceva che molte donne “sussurravano per evitare di essere ascoltate dal loro partner nella stanza accanto”. Delphine Beauvais, direttrice di una rete di rifugi per donne Rosa nel nord della Francia, ha dichiarato alla CNN che l’organizzazione sta subendo un calo analogo delle chiamate: “Riteniamo che ciò potrebbe essere dovuto all’incapacità delle donne di raggiungerci come conseguenza del parto. “
Ammerata ha avuto un’esperienza simile. Le vittime hanno cercato di raggiungere i loro brevi viaggi nei supermercati o di inviare messaggi mentre facevano la doccia. Ha detto che le rigide regole stanno rendendo difficile per le donne vulnerabili sfuggire alle loro relazioni violente.
“In una situazione normale, uscire di casa e l’aggressore è già difficile”, ha detto. “Oggi, questo è quadruplicato, perché non puoi andare dai tuoi amici o familiari perché il decreto del governo dice che non puoi andare … partire ora è molto, molto difficile. Più difficile che mai.”

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed