Rutte

Rutte - Fonte:web

Rutte
Rutte – Fonte:web

Il premier olandese, Mark Rutte, ha annunciato che lascerà la politica, mettendo così fine ai suoi 13 anni alla guida del governo.

La sua decisione arriva prima delle elezioni generali previste per novembre, elezioni anticipate a seguito di dispute sull’immigrazione che hanno portato alla fine del suo governo. Rutte non cercherà un quinto mandato con il voto.

La questione chiave che ha portato alle sue dimissioni è stata l’immigrazione. Di fronte al crescente numero di richieste di asilo, il suo partito liberale desiderava imporre limitazioni, ma è stato ostacolato dai partner della coalizione.

Rutte ha cercato di imporre la sua volontà, proponendo un tetto massimo per i ricongiungimenti familiari per i rifugiati di guerra (non più di 200 al mese).

Le sue dimissioni segnano la fine del suo mandato come il leader di governo più longevo nella storia olandese, dopo essere stato in carica dal 2010, secondo solo a Viktor Orban in Europa (che guida il governo ungherese dal maggio 2010).

Il soprannome…”Teflon Mark”

Rutte è stato soprannominato “Teflon Mark” perché è sempre riuscito a uscire indenne da ogni problema, superando anche le dimissioni di tre dei suoi governi. In Europa, è diventato noto come leader dei “frugali”, essendo lui stesso incline a uno stile di vita semplice, come andare in bicicletta al lavoro. Era noto come “Mister No”, il falco che si opponeva sistematicamente alle proposte di Bruxelles e che guidava gli appelli all’austerità europea insieme a Svezia, Danimarca e Austria, cercando di imporre politiche restrittive ai paesi dell’Europa meridionale, soprattutto durante la pandemia.

Tuttavia, alla fine è riuscito a trovare un terreno comune con Germania e Francia sulla maggior parte delle questioni. Di recente, si è guadagnato la simpatia degli altri leader europei per il suo sostegno incondizionato all’Ucraina.

Rutte
Rutte – Fonte:Web

La sua chiave vincente

Quando arrivò a Het Torentje, il suo ufficio all’Aia, aveva solo 43 anni ed era il primo capo di governo liberale in quasi un secolo. La sua chiave del successo è stata la sua abilità pragmatica nel cercare accordi, indipendentemente dagli antagonisti, applicando rigorosamente il “polder model”, il metodo decisionale basato sul consenso.

Il suo partito liberale, il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (VVD), non è mai riuscito a ottenere una maggioranza sufficiente per governare da solo, ma Rutte aveva un talento speciale nel negoziare con partiti provenienti da tutto lo spettro politico per formare coalizioni anche improbabili, spesso più interessato al potere che ai principi, secondo alcuni.Rutte non ha ancora annunciato i suoi piani futuri, sembrando escludere la possibilità di candidarsi per il ruolo di Segretario generale della NATO. “No, no, non quello. Lascio la politica”, ha assicurato. Per ora.