Cruciani rivela: “Ho provato attrazione per un uomo, Vannacci è mio amico”

Cruciani rivela: “Ho provato attrazione per un uomo, Vannacci è mio amico”

0

Giuseppe Cruciani, noto conduttore radiofonico de La Zanzara e giornalista del Corriere della Sera, ha rivelato di aver votato alle elezioni europee per Roberto Vannacci, un politico con cui ha stretto amicizia. In un’intervista, Cruciani ha raccontato di aver trascorso una serata intera in compagnia di Vannacci, distesi sul divano a discutere fino a notte fonda.

Durante l’intervista, Cruciani ha parlato del suo rapporto con Vannacci, sottolineando di non condividere tutte le opinioni politiche del politico, ma di apprezzarne la libertà di pensiero. Ha ammesso di essere stato indeciso tra votare Vannacci e un altro candidato, Stefano Bandecchi, ma alla fine ha scelto di dare il suo voto a Vannacci per via della sua personalità “pazza” che lo ha affascinato.

Inoltre, Cruciani ha espresso il suo dissenso nei confronti del politicamente corretto e ha critico la categorizzazione delle persone in base alle loro preferenze sessuali. Ha dichiarato di essere a favore delle adozioni gay, dell’utero in affitto e del matrimonio gay equiparato a quello eterosessuale, ma allo stesso tempo si è dichiarato contrario alla catalogazione LGBT+, definendola un’aberrazione.

In un momento dell’intervista, Cruciani ha fatto una sorprendente confessione: ha raccontato di aver provato attrazione per un uomo durante una serata al Muccassassina, locale frequentato da persone LGBT+ a Roma. Ha descritto l’incontro con l’uomo che gli ricordava Freddie Mercury, ma ha ammesso di non aver portato avanti la situazione, sentendosi forse bloccato dalle radici cattoliche della sua famiglia.

La storia di Cruciani ha suscitato una reazione da parte di Vladimir Luxuria, nota attivista e personalità LGBT+. Luxuria ha criticato il presentatore radiofonico per aver frequentato il Muccassassina e poi votato per un politico che non sostiene la comunità LGBT+. Ha evidenziato una presunta ipocrisia nel comportamento di Cruciani, ricordandogli che il Muccassassina è un luogo simbolo per la comunità LGBT+.

La vicenda ha generato polemiche e discussioni sul web, con molti che hanno espresso opinioni contrastanti riguardo alle dichiarazioni di Cruciani e alle risposte di Luxuria. La libertà di esprimere le proprie opinioni e la complessità delle tematiche legate all’identità sessuale e all’inclusione hanno portato alla luce riflessioni profonde sulla società contemporanea e sui pregiudizi ancora presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *