Emergenza maltempo: torrenti straripati, strade interrotte e frazioni isolate tra Piemonte e Valle d’Aosta

Emergenza maltempo: torrenti straripati, strade interrotte e frazioni isolate tra Piemonte e Valle d’Aosta

0

Il Nord Italia è nuovamente colpito dall’emergenza maltempo, con torrenti straripati, frane e strade interrotte. La situazione è particolarmente critica tra la Val D’Aosta e il Piemonte, con le aree più colpite che includono le Valli Orco e Soana, le Valli di Lanzo e alcune zone di pianura del Canavese.

Durante la notte tra sabato e domenica, il personale della Direzione Viabilità 1 della Città metropolitana di Torino ha lavorato intensamente per fronteggiare la situazione di emergenza. In Valle Orco, gli sforzi sono concentrati sulla rimozione di una frana sulla Provinciale 460 nei pressi di Fornolosa di Locana, al fine di ripristinare la transitabilità nel tratto tra Fey e Fornolosa. Una ditta appaltatrice locale ha già iniziato i lavori per limitare i danni, mentre questa mattina ulteriori mezzi e personale sono al lavoro per ripulire la carreggiata.

L’obiettivo è quello di consentire ai mezzi di soccorso, ai residenti e ai turisti bloccati in alta valle di poter transitare entro la fine della mattinata. A Noasca, il ponte lungo la SP 460 è di nuovo percorribile, dopo essere stato chiuso precauzionalmente ieri sera.

Nella Val Soana, a Ingria, è stata rimossa la frana che aveva interrotto la Provinciale 47 grazie all’intervento di mezzi del Comune e di una ditta appaltatrice della Città metropolitana. Il transito è consentito con cautela, mentre si procede con le operazioni di pulizia della strada.

Nella Val Grande di Lanzo, a Chialamberto, il ponte sul torrente Vassola è attualmente chiuso precauzionalmente sulla Strada Provinciale 33, con deviazione su una strada comunale. Sono in corso valutazioni tecniche per verificare eventuali pericoli di scalzamenti delle scogliere nell’area.

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha dichiarato di essere in contatto con i sindaci delle zone colpite e di aver monitorato l’andamento della perturbazione che ha colpito il Piemonte durante la serata e la notte. L’area più colpita è stata quella del Gran Paradiso, ma ci sono danni anche nel Canavese, nelle valli Orco e di Lanzo e nella zona di Macugnaga. La Sala regionale è operativa e i tecnici stanno lavorando per valutare i danni e individuare i primi interventi di ripristino.

In Valle d’Aosta, la statale 26 “della Valle D’Aosta” è stata chiusa a causa dell’esondazione del fiume Dora Baltea, tra il km 50,600 e il 56. A Torino e Verbania Cusio Ossola, i vigili del fuoco hanno effettuato numerosi soccorsi per frane e per assistere le persone in difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *