Intesa Gdf-Simico per prevenire truffe sulle opere Milano-Cortina

Intesa Gdf-Simico per prevenire truffe sulle opere Milano-Cortina

0

A Milano, è stata recentemente firmata una collaborazione tra la Guardia di Finanza e la Società Infrastrutture Milano Cortina 2026 (SIMICO) al fine di rafforzare il sistema di prevenzione e contrasto delle condotte illecite legate all’esecuzione dei lavori per la realizzazione del Piano complessivo delle opere olimpiche. Il Protocollo d’intesa, firmato a Roma dal Comandante Generale Gen. C.A. Andrea De Gennaro e dal Commissario di Governo e Amministratore delegato di SIMICO Arch. Fabio Saldini, avrà una durata di due anni e potrà essere integrato e modificato per tener conto delle esigenze emergenti.

Il Protocollo non comporta oneri a carico della finanza pubblica e prevede la collaborazione tra le due entità per scambiare dati e informazioni qualificate attraverso una piattaforma digitale collaborativa. SIMICO metterà a disposizione del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie le risorse necessarie per orientare e rafforzare l’azione di prevenzione, ricerca e repressione degli illeciti economici e finanziari.

Inoltre, SIMICO segnalerà al Nucleo Speciale le misure e i contesti su cui ritiene sia opportuno concentrare le attività di analisi e approfondimento. Questa collaborazione permetterà al Nucleo Speciale di assicurare il collegamento operativo con gli altri Reparti Speciali o operativi territorialmente competenti per l’eventuale sviluppo ed esecuzione delle attività investigative.

Attraverso il Protocollo, la Guardia di Finanza potrà utilizzare le informazioni fornite da SIMICO per contrastare la malversazione, la truffa, la frode e altre attività illecite legate alle opere olimpiche. In questo modo, si mira a garantire la trasparenza e l’integrità nella realizzazione del Piano complessivo delle opere olimpiche a Milano Cortina 2026.

L’obiettivo principale di questa collaborazione è quello di assicurare che i fondi pubblici destinati alla realizzazione delle opere olimpiche siano impiegati correttamente e che non ci siano condotte illecite o frodi che possano compromettere l’integrità del progetto. Grazie alla sinergia tra la Guardia di Finanza e SIMICO, si potrà monitorare e contrastare efficacemente ogni forma di illecito legata all’esecuzione dei lavori.

Infine, attraverso questa collaborazione, si mira a garantire che Milano Cortina 2026 possa realizzare le opere olimpiche nel rispetto delle normative e delle regole etiche, contribuendo così a creare un ambiente sicuro e trasparente per lo svolgimento degli eventi olimpici nel 2026.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *