Alitalia ha deciso di mantenere la rotta su Reggio Calabria… per ora

Alitalia si è impegnata a ripristinare i collegamenti tornando su Reggio Calabria “a partire dal 30 marzo”, con collegamenti da Roma e Milano, “inizialmente con un volo giornaliero da/per entrambe le città nel mese di aprile“.

Alitalia se ne andrà, poi tornerà ma soltanto per un mese. E sul sito ufficiale non è ancora possibile prenotare i voli: tutti coloro che volevano viaggiare su Reggio in vista delle festività pasquali o del weekend del 25 aprile hanno già prenotato su Lamezia Terme o Catania.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in relazione a una riunione sulle problematiche dell’aeroporto di Reggio, e in particolare sulla decisione presa da Alitalia di non operare più nello scalo reggino, per adesso conferma di restare fino a fine Aprile, poi si vedrà.

La decisione arriva al termine dell’incontro, a cui hanno partecipato, tra gli altri, il ministro, Graziano Delrio, il prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari, il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, e le rappresentanze dei vertici di Enac e Alitalia.

“Nell’ambito di tale riunione – si aggiunge nella nota del ministero – sono emersi diversi elementi nuovi ed è stata sottolineata la criticità per l’accessibilità al territorio che insorgerebbe con la sospensione dei voli”.

“Il Ministero e le istituzioni regionali e locali hanno promosso una serie di iniziative, formalizzate attraverso un apposito ‘documento dichiarativo di impegno’ nel quale è delineato il pacchetto di interventi per il rilancio dell’aeroporto, e in particolare misure per promuovere le rotte domestiche esistenti”.

“Le parti – conclude il comunicato – continueranno il confronto con l’obiettivo di trovare un assetto definitivo per il prossimo futuro”.

La reazione del sindaco

Grande soddisfazione del sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, testimone e tra i protagonisti di una “trattativa lunga e difficile” ma andata a buon fine. “L’aeroporto dello Stretto è salvo, Alitalia continuerà a volare e da oggi avremo la possibilità di programmare e pianificare l’ampliamento dell’offerta volatativa da e per l’aeroporto dello Stretto”.

In realtà la situazione resta drammatica. Anche perchè il ritorno di Alitalia è “a tempo determinato“, solo per il mese di Aprile. Chi pianificherà voli per Maggio o per l’estate dovrà continuare a farlo in modo alternativo. E così l’Aeroporto dello Stretto muore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *