Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Sanità, Speranza “Più medici e 1 miliardo alle Regioni”

Conferenza stampa al termine del consiglio dei ministri che ha deliberato la fine dello stato di emergenza e l’ allentamento delle misure di sicurezza contro il Covid-19 nella foto Roberto Speranza (ROMA – 2022-03-17, Stefano Carofei) p.

s.

la foto e’ utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e’ stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
ROMA – “E’ un problema che viene da lontano ed è stato ulteriormente complicato dal Covid.

Abbiamo già indirizzato un miliardo di euro, in due tranche, alle Regioni per affrontarlo e ci aspettiamo di vedere presto i risultati.

La questione attese è legata al numero di medici più che alle attrezzature.

Sul personale abbiamo avviato un’operazione mai vista”.

Lo afferma il ministro della Salute, Roberto SPeranza, in un’intervista a la Repubblica.

“I medici non si comprano sul mercato internazionale, come i camici o i respiratori.

O li hai formati con una programmazione pluriennale o non li hai.

Noi negli ultimi due anni abbiamo finalmente investito come si doveva.

Per l’immediato il miliardo in più servirà a comunque a recuperare con interventi straordinari”.

In merito alla lotta al Covid “abbiamo già messo molte risorse al di fuori del fondo sanitario nazionale per la pandemia.

Ne servono ancora e le troveremo.

Sono stati anni difficili e avremo altre spese, ad esempio per i vaccini.

Ma non è accettabile che il dibattito non tenga conto di un dato di realtà: così tanti soldi sulla sanità non sono mai stati messi”.

Con riferimento al Pnrr il ministro ha detto: “Arriveranno 20 miliardi.

Poi ci sono 625 milioni che per la prima volta la programmazione europea riserva al Pon salute, per le aree svantaggiate.

Quei soldi vanno al Sud e serviranno anche a recuperare gli screening oncologici saltati”.

Sulla crisi dei pronto soccorso ha affermato: “Abbiamo fatto un primo passo stanziando 90 milioni e istituendo una nuova indennità specifica per chi lavora al pronto soccorso.

Sono prime risorse, cercheremo di trovarne altre ma si tratta di un segnale: diciamo ai lavoratori che siamo consapevoli delle loro difficoltà.

Poi avrà un ruolo fondamentale il Pnrr”.

.

-foto Agenzia Fotogramma-

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed