Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Covid-19, i decessi non crescono velocemente ma il virus non è meno mortale

(CNN) L’Europa sta annegando nella seconda ondata dell’epidemia di coronavirus. I tassi di infezione sono alle stelle in tutto il continente. I governi stanno imponendo rigidi blocchi . Le economie si stanno chiudendo di nuovo. Ma c’è un barlume di speranza: il virus, sebbene ancora mortale, sembra stia uccidendo in media meno persone.

I dati recenti su casi e fatalità del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) mostrano che mentre i casi registrati di Covid-19 sono in aumento nel Regno Unito, Francia, Spagna, Germania e altri paesi europei, i decessi non aumentano allo stesso ritmo .

“Il tasso di mortalità è diminuito, nel Regno Unito, possiamo vederlo scendere da circa giugno a un punto minimo in agosto”, ha detto Jason Oke, uno statistico senior presso il Dipartimento di scienze sanitarie di assistenza primaria di Nuffield. “La nostra stima attuale è che il tasso di mortalità dell’infezione sta aumentando un po ‘, ma non è arrivato nemmeno vicino a dove eravamo ed è improbabile che cambi drasticamente a meno che non vediamo un aumento davvero sorprendente del numero di morti.”Oke ha monitorato i tassi di mortalità del Covid-19 insieme al suo collega Carl Heneghan del Center for Evidence-Based Medicine e all’economista sanitario Daniel Howdon. La loro ricerca mostra che, alla fine di giugno, il tasso di mortalità era appena inferiore al 3% nel Regno Unito. Ad agosto, era sceso fino a circa lo 0,5%. Ora si attesta a circa lo 0,75%.”Pensiamo che sia probabilmente guidato molto dall’età, ma anche da altri fattori, come il trattamento”, ha detto Oke.Il tasso di mortalità più basso non è unico in Europa.A New York, anche il tasso di mortalità per le persone ricoverate in ospedale con malattie legate al coronavirus è diminuito dall’inizio di quest’anno, secondo uno studio di un team di ricercatori della NYU Grossman School of Medicine, pubblicato sul Journal of Hospital Medicine . Un’analisi più ampia dei dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie da parte del team della NYU mostra che negli Stati Uniti, “il 6,7% dei casi ha provocato la morte ad aprile, rispetto all’1,9% a settembre”.

Le persone più giovani e più sane vengono infettate

La ragione più ovvia per il minor numero di vittime è l’età.
La prima ondata di pandemia ha colpito in modo particolarmente duro gli anziani europei, diffondendosi negli ospedali e nelle case di cura, ma la situazione è cambiata durante l’estate, con il virus che circola più ampiamente tra i giovani che vanno a ristoranti, bar e altri luoghi pubblici.
Secondo l’ECDC, l’età media delle persone infettate in tutta Europa è scesa da 54 anni nel periodo gennaio-maggio a 39 anni in giugno e luglio.

Le persone anziane corrono un rischio molto più elevato di ammalarsi gravemente se vengono infettate, quindi è probabile che un’epidemia che colpisce una casa di cura sia molto più mortale di quella in un campus universitario.In effetti, i dati raccolti dai ricercatori delle risposte di assistenza a lungo termine della London School of Economics al gruppo Covid-19 mostrano che, in media, il 46% di tutti i decessi per Covid-19 in 21 paesi si è verificato in case di cura.I ricercatori hanno scoperto che in diversi paesi, tra cui Belgio, Irlanda, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti, la percentuale di residenti in case di cura le cui morti sono state collegate al coronavirus era superiore al 4% in alcuni casi. Ciò significa che più di uno su 25 residenti in una casa di cura che è morto dall’inizio della pandemia lo ha fatto a causa del Covid-19.

Con più giovani che vengono infettati, il tasso di mortalità complessivo è diminuito, ma questo non significa che il virus stesso sia diventato meno mortale. Se ricomincia a diffondersi ampiamente tra le persone anziane, il tasso potrebbe aumentare ancora. Questo sta già accadendo in alcuni paesi , incluso il Regno Unito, dove Oke ei suoi colleghi hanno osservato un leggero aumento del tasso di mortalità.”Il virus Covid-19 è molto stabile, non sta mutando molto”, ha detto il dottor Julian Tang, virologo clinico e professore associato onorario presso l’Università di Leicester. “La variazione della gravità della malattia da Covid-19 è in realtà dovuta alle risposte immunitarie individuali dell’ospite insieme a età, sesso, etnia e alcune condizioni mediche preesistenti”, ha aggiunto.

I trattamenti stanno migliorando

Il cambiamento demografico potrebbe aver contribuito a ridurre il numero delle vittime, ma gli esperti sospettano che il fatto che gli operatori sanitari siano ora più esperti nel trattare i pazienti con Covid-19 è un altro fattore.”Anche se il Covid-19 rimane una malattia terribile, i nostri sforzi per migliorare il trattamento stanno probabilmente funzionando”, ha detto l’autore principale dello studio della NYU, la dottoressa Leora Horwitz, professore associato presso il Dipartimento per la salute della popolazione della NYU Langone Health.Horwitz e il suo team hanno scoperto che, se aggiustata per fattori demografici e clinici, la mortalità tra i ricoverati all’interno del sistema NYU è scesa dal 25,6% di marzo al 7,6% di agosto.Anche il modo in cui vengono trattati i pazienti affetti da coronavirus è cambiato. I ventilatori, che sono stati ampiamente utilizzati all’inizio della pandemia, sono ora utilizzati meno perché i medici hanno imparato di più su come possono danneggiare i polmoni dei pazienti con Covid-19. A sua volta, sdraiare i pazienti a faccia in giù, sullo stomaco, è diventato più comune poiché è stato dimostrato che aiuta ad aumentare la quantità di ossigeno che entra nei polmoni di alcuni pazienti.Le statistiche mostrano che le persone che finiscono in un ospedale nel Regno Unito stanno affrontando risultati migliori.

L’Intensive Care National Audit and Research Center ha rilevato che i pazienti con Covid-19 trattati in unità di terapia intensiva in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord dopo il 1 ° settembre avevano probabilità di sopravvivenza molto migliori rispetto a quelli ammessi prima: il 12% dei pazienti è morto dall’inizio settembre, contro il 39% dei ricoverati tra l’inizio della pandemia e la fine di agosto.
“Ciò suggerisce che il trattamento è migliore e [gli operatori sanitari] sanno ora cosa fare, o forse che le persone si presentano con sintomi più lievi”, ha detto Oke.
E sebbene non ci sia ancora una cura miracolosa per il coronavirus, ci sono alcune opzioni di trattamento che sembrano aiutare alcuni pazienti.
L’antivirale remdesivir è stato approvato dalla Food and Drug Administration statunitense per il trattamento dell’infezione da coronavirus .
All’inizio di questo mese, uno studio globale sponsorizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha scoperto che remdesivir non ha aiutato i pazienti a sopravvivere o addirittura a riprendersi più velocemente, ma uno studio statunitense ha rilevato che il farmaco ha ridotto i tempi di recupero per alcuni pazienti di circa un terzo.
Il desametasone, uno steroide, è stato utilizzato per alcuni dei pazienti più malati con Covid-19 che necessitano di ventilazione o ossigeno, dopo che gli studi hanno dimostrato che può aumentare le loro possibilità di sopravvivenza.
E gli scienziati stanno anche esaminando le terapie con anticorpi monoclonali , il tipo di trattamento ricevuto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump , oltre a remdesivir e desametasone .

Problemi di dati e test

Mentre i tassi di mortalità più bassi sembrano incoraggianti, ci sono molti avvertimenti da considerare. La mortalità da Covid-19 viene calcolata come il numero di decessi sul numero totale di infezioni, il che significa che è accurato solo se i numeri sottostanti riflettono la realtà.
E questo quasi certamente non era il caso all’inizio della pandemia, quando i test non erano ampiamente disponibili e venivano testati solo coloro che erano gravemente malati.
“Se si testano solo i casi sintomatici si può sottostimare massicciamente il numero di infetti se la proporzione di infetti asintomatici è grande”, ha detto Tang, aggiungendo che alcuni studi suggeriscono che fino al 60% al 70% dei casi di Covid-19 può essere asintomatico .
“Quindi il [tasso di mortalità dei casi] riportato potrebbe essere sproporzionatamente alto all’inizio della pandemia, ma poi diminuisce più tardi con il progredire della pandemia, mentre testiamo casi più asintomatici per ‘diluire’ questo apparente tasso di morte”, ha aggiunto Tang.
Il pericolo principale, ha detto Tang, è che test più diffusi sulla popolazione più giovane meno vulnerabile possano mascherare i tassi di mortalità in coloro che sono più anziani o hanno condizioni di base. “C’è il rischio di compiacimento”, ha detto. “Gli anziani e le persone vulnerabili moriranno comunque per complicazioni legate al Covid-19 … ma questo potrebbe non essere notato se tutti i gruppi di età con COVID-19 vengono esaminati insieme.
Il tasso di mortalità varia anche tra i diversi paesi. Secondo un conteggio della Johns Hopkins University, la mortalità tra i 20 paesi più colpiti ora varia dal 10% in Messico allo 0,8% nella Repubblica ceca. Ciò è in parte dovuto a diversi approcci per il conteggio dei casi di Covid-19. Mentre alcuni contano solo infezioni confermate dal laboratorio, altri includono casi sospetti non testati.
C’è anche la questione dello sfasamento temporale. “La differenza di tempo tra il momento in cui pensiamo che le persone vengano infettate e il momento in cui potrebbero morire, in media è di circa tre settimane, ma quello che stiamo vedendo è che il [tasso di mortalità per infezione] rimane inferiore anche se le infezioni precedenti sono aumentate “, ha detto Oke.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed