Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

La Luna potrà essere la nuova colonia degli esseri umani

(NBC) Il ghiaccio, sia nelle pozzanghere congelate che come perle congelate mescolate con la regolite, può fornire una colonia lunare, indipendentemente da dove decidi di costruirla.

È una palla di roccia fredda e inerte a tre giorni di viaggio con un razzo dalla Florida. La luna è desolata e polverosa, e le uniche cose che accadono in questi giorni sono la pioggia lenta e silenziosa di meteore e l’arrivo occasionale di hardware lanciato dalla Terra. È, e per quanto ne sappiamo è sempre stato, morto.

Ma ci sono alcune notizie che promettono di far fiorire questo deserto cosmico.

In un articolo su Nature Astronomy , un trio di ricercatori in Colorado, Arizona e Israele afferma che la luna potrebbe essere punteggiata di pozzanghere ghiacciate. Questi minuscoli stagni sarebbero più di un semplice fastidio scivoloso per i futuri astronauti; potrebbero rendere pratica la colonizzazione. Dopotutto, l’acqua è un ingrediente essenziale per qualsiasi insediamento lunare.

Questa non è la prima volta che i ricercatori hanno percepito il ghiaccio sulla luna. Ad esempio, alla fine degli anni ’90, il Lunar Prospector orbitante della NASA ha misurato un leggero deficit di neutroni emanati dalle regioni polari della luna. I neutroni venivano bloccati da qualcosa e si presumeva che quel qualcosa fossero atomi di idrogeno. Potresti pensare che solo i nerd si sarebbero preoccupati, ma le implicazioni erano sorprendenti: l’idrogeno era molto probabilmente legato a molecole d’acqua congelate – H₂O. Sembrava che i residui ghiacciati delle comete e degli asteroidi in arrivo si fossero mescolati nel suolo lunare.

Allora perché questo era vero solo ai poli? Una risposta ovvia è stata che il sole è sempre basso nel cielo in quelle regioni e le pareti del cratere proiettano lunghe ombre. Ci sono inevitabilmente posti all’interno dei crateri dove il sole letteralmente non splende mai. I gelidi resti d’acqua che schizzavano in questi punti ombreggiati non sarebbero mai evaporati nello spazio. Rimarrebbero miscele permanentemente congelate di polvere e ghiaccio, una risorsa che potrebbe essere sciolta e utilizzata dai futuri coloni.

La quantità di acqua stimata in questi crateri non era grande. L’ipotesi migliore era da 10 milioni a un miliardo di tonnellate. Per dimensioni, il Lake Placid di New York contiene circa 150 milioni di tonnellate. Ma ciò sarebbe comunque sufficiente per mantenere idratate e igieniche alcune migliaia di abitanti di qualsiasi futura colonia lunare per un secolo o giù di lì, supponendo che ogni persona abbia usato 100 galloni al giorno, che è tipico negli Stati Uniti – e senza il disgusto (per alcuni) necessità di riutilizzare le acque reflue.

Ma la ricerca annunciata questa settimana suggerisce che c’è molta più acqua ghiacciata. Utilizzando semplici modelli di ombreggiatura combinati con osservazioni di crateri reali, gli scienziati ritengono che piccole macchie di ghiaccio eterno possono essere trovate anche su terreni per lo più soleggiati. Dopotutto, grandi massi – per non parlare di colline e montagne – potrebbero permanentemente ombreggiare macchie di terreno ai loro piedi. E senza venti caldi e una regolite (la miscela sciolta di polvere e roccia che ricopre la luna) che non conduce bene il calore, il ghiaccio non si scioglierebbe mai. Qualche metro quadrato di ghiaccio qui e qualche metro quadrato là … ben presto si parla di gravi riserve d’acqua.

Lo stesso giorno in cui Nature Astronomy ha annunciato la probabile presenza di pozzanghere ghiacciate, si sono avute notizie più felici dalle osservazioni fatte con il telescopio aereo SOFIA della NASA. Le sue telecamere a infrarossi hanno trovato la firma spettrale dell’acqua sul pavimento di Clavius , un cratere illuminato dal sole più grande del Maryland. La forma esatta dell’acqua non è ancora chiara. Un’idea proposta dalla NASA è che minuscoli cristalli di ghiaccio, portati sulla luna da una pioggerellina di piccolissime meteore, ne intrecciano la superficie. Granelli di polvere proteggerebbero i cristalli dallo scioglimento del sole.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed