Il rapper mascherato C.Gambino trovato morto nel suo garage a soli 26 anni

Il rapper mascherato C.Gambino trovato morto nel suo garage a soli 26 anni

0

La polizia di Göteborg ha avviato un’indagine sulla morte di Karar Ramadan, conosciuto come C.Gambino, uno dei rapper svedesi più importanti del Paese. Il giovane di 26 anni è stato ucciso il 4 giugno nel suo garage, e nonostante l’allarme sia stato dato alle 22:30, quando polizia e ambulanza sono arrivati sul posto non c’era più nulla da fare: C.Gambino è deceduto in ospedale.

Famoso per la maschera che indossava durante le sue esibizioni e con circa un milione di streaming al mese su Spotify, le circostanze della sua morte sono ancora avvolte nel mistero e potrebbero essere legate ai suoi presunti legami con la criminalità organizzata, come dichiarato dal portavoce della polizia Thomas Fuxborg: “Non voglio entrare nei dettagli, ma è risaputo che era coinvolto nei network criminali. Ancora non sappiamo chi stiamo cercando, ma grazie a queste connessioni potremmo avere un’idea di dove possa trovarsi. Stiamo valutando se la sua musica possa aver avuto un ruolo in tutto ciò.”

Anche il critico musicale Petter Hallen ha commentato la tragica morte di C.Gambino, definendola “un duro colpo per la scena rap di Göteborg e di tutta la Svezia”. Hallen ha aggiunto: “È ancor più triste considerare che ultimamente si stava distaccando dall’oscurità e dalla criminalità per concentrarsi sulla rappresentazione delle relazioni e dei sentimenti attraverso la sua arte.”

C.Gambino non è il primo rapper ad essere stato ucciso in Svezia: già nell’ottobre del 2021 fu Einar a perdere la vita a Stoccolma, in un conflitto tra bande, un episodio che ricorda gli anni ’90 nella scena rap americana, quando artisti del calibro di Tupac Shakur e Notorious B.I.G. persero la vita nello stesso contesto.

La tragica scomparsa di C.Gambino ha scosso profondamente il mondo della musica svedese, lasciando tutti attoniti di fronte a un destino così crudele e prematuro. La sua scomparsa ha generato una grande ondata di dolore e dispiacere tra i fan e i colleghi di settore, che lo ricordano come un talento unico e irripetibile, capace di emozionare e coinvolgere con la sua musica.

La sua maschera, simbolo della sua identità artistica e delle sue performance cariche di energia, resta ora come un’icona di un’epoca che si è chiusa in modo tragico e inaspettato. Le sue canzoni continueranno ad avere un impatto duraturo sulla scena musicale, mantenendo viva la sua eredità artistica e il suo talento unico.

Il mondo della musica rap svedese dovrà fare i conti con una perdita che lascerà un vuoto difficile da colmare, ma che al contempo rappresenta un monito sulle pericolose dinamiche che possono nascondersi dietro la vita di un artista di successo. La speranza è che la giustizia possa fare luce sulla morte di C.Gambino e portare i responsabili davanti alla legge, garantendo così che la sua memoria sia onorata nel modo più giusto e rispettoso possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *