Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

La popolazione mondiale probabilmente si ridurrà dopo 50 anni

(CNN) La popolazione mondiale rischia di picco a 9,7 miliardi nel 2064, e poi il declino a circa 8,8 miliardi entro la fine del secolo, come le donne ottengono un migliore accesso all’istruzione e alla contraccezione, un nuovo studio ha trovato.

Entro il 2100, 183 dei 195 paesi non avranno i tassi di fertilità richiesti per mantenere l’attuale popolazione, con una previsione di 2.1 nascite per donna, hanno detto i ricercatori dell’Institute for Health Metrics and Evaluation presso la School of Medicine dell’Università di Washington.
Circa 23 paesi, tra cui Giappone , Tailandia, Italia e Spagna, vedranno ridursi le popolazioni di oltre il 50%, hanno detto i ricercatori.
Tuttavia, la popolazione dell’Africa sub-sahariana potrebbe triplicare, consentendo a poco meno della metà della popolazione mondiale di essere africana entro la fine del secolo.
Lo studio di modellizzazione, pubblicato martedì su The Lancet, prevede anche un drastico calo delle popolazioni in età lavorativa in paesi come India e Cina, che danneggerà la crescita economica e potrebbe avere implicazioni negative per le forze di lavoro e i sistemi di supporto sociale, hanno detto i ricercatori.

Ma man mano che la fertilità diminuisce, i ricercatori notano che l’immigrazione potrebbe compensare il restringimento della popolazione, in particolare nei paesi a bassa fertilità, come Stati Uniti, Australia e Canada.

“Il mondo, sin dagli anni ’60, si è concentrato davvero sulla cosiddetta esplosione demografica”, ha dichiarato alla CNN il dott. Christopher Murray, che ha guidato la ricerca. “Improvvisamente, stiamo assistendo a questo tipo di svolta in cui è molto chiaro che stiamo rapidamente passando dalla questione di troppe persone a troppo poche.”
Ridurre le popolazioni
Utilizzando i dati del Global Burden of Disease Study 2017, i ricercatori hanno previsto che le popolazioni in più rapida contrazione saranno in Asia e nell’Europa centrale e orientale.
Gli autori del rapporto prevedono che la popolazione giapponese si ridurrà da circa 128 milioni di persone nel 2017 a 60 milioni nel 2100, la Thailandia vedrà un calo da 71 a 35 milioni, la Spagna da 46 a 23 milioni, l’Italia da 61 a 31 milioni, il Portogallo da 11 a 5 milioni e la Corea del Sud da 53 a 27 milioni.
Si prevede inoltre che altri 34 paesi, inclusa la Cina , vedranno diminuire la loro popolazione fino al 50%.

Murray ha affermato che non solo la popolazione si ridurrà, ma la società sarà generalmente più anziana, il che avrebbe un impatto sostanziale sulla crescita economica.”Ci sono più persone che hanno bisogno di ricevere benefici dal governo, che si tratti di sicurezza sociale o assicurazione sanitaria, e ci sono meno persone a pagare le tasse”, ha spiegato.I ricercatori prevedono che la popolazione dell’Africa sub-sahariana potrebbe triplicare nel corso del secolo, passando da circa 1,03 miliardi nel 2017 a 3,07 miliardi nel 2100.Il Nord Africa e il Medio Oriente sono le uniche altre regioni previste per avere una popolazione più ampia nel 2100 rispetto al 2017, con una previsione di 978 milioni rispetto ai 600 milioni.”Poiché la fertilità rimarrà alta più a lungo, la percentuale relativa della popolazione mondiale che è africana salirà in modo sostanziale. Raggiungeremo il punto verso la fine del secolo, dove poco meno della metà della popolazione mondiale sarà africana su queste traiettorie “, Murray ha detto alla CNN.

Gli over 80 supereranno i cinque

Lo studio prevede inoltre importanti cambiamenti nella struttura dell’età globale in base alla caduta della fertilità e all’aumento dell’aspettativa di vita, con una stima di 2,37 miliardi di persone su 65 anni nel mondo nel 2100, rispetto a 1,7 miliardi di età inferiore ai 20 anni.Il numero globale di persone con più di 80 anni potrebbe aumentare di sei volte, passando da 141 a 866 milioni. Nel frattempo, si prevede che il numero di bambini di età inferiore ai cinque anni diminuirà di oltre il 40%, passando da 681 milioni nel 2017 a 401 milioni nel 2100.

Poiché le donne hanno un migliore accesso all’istruzione e alla contraccezione, si prevede che la popolazione mondiale si ridurrà, affermano i ricercatori.
I ricercatori hanno affermato che questi “drammatici declini” nelle popolazioni in età lavorativa in paesi come l’India e la Cina, ostacoleranno la crescita economica e porteranno a cambiamenti nelle potenze globali.
“Sta già iniziando – questo è qualcosa che non è in un lontano futuro. Il numero di adulti in età lavorativa in Cina ha già iniziato a diminuire”, ha detto Murray alla CNN.
“Il profondo declino degli adulti in età lavorativa che si verificherà in un luogo come la Cina significa che non saranno in grado a lungo termine di sostenere la crescita economica al ritmo che hanno”, ha detto Murray alla CNN.
Gli autori del rapporto affermano che le nuove previsioni mettono in luce le “enormi sfide” che una forza lavoro in riduzione porrà alla crescita economica e all’elevato onere che l’invecchiamento della popolazione porrà sui meccanismi di assistenza sanitaria e sociale.
Il ruolo dell’immigrazione
Gli autori suggeriscono che il declino della popolazione potrebbe essere compensato dall’immigrazione e che i paesi con politiche di immigrazione liberale saranno in grado di mantenere meglio la dimensione della popolazione e sostenere la crescita economica, anche se la fertilità diminuisce.
“Se più persone muoiono e poi nascono, allora la popolazione andrà in declino. E l’unico modo per contrastare questo è con la migrazione”, ha detto Murray.

I ricercatori suggeriscono che il declino della popolazione potrebbe essere compensato dall’immigrazione, prevedendo che i paesi con bassa fertilità – compresi gli Stati Uniti, l’Australia e il Canada – manterranno le popolazioni in età lavorativa con l’immigrazione con il declino della fertilità.
Mentre gli autori del rapporto notano che un minor numero di persone avrebbe “implicazioni positive per l’ambiente, i cambiamenti climatici e la produzione alimentare”, una popolazione che invecchia può portare le sue sfide.
Se fosse solo una questione del numero di persone e non di tutti questi altri effetti, potresti fare un ottimo caso per il pianeta – potrebbe essere una buona cosa “, ha detto Murray.
“Il problema è che è la piramide dell’età invertita che è un vero problema per come sono organizzate le società e come funzionano le economie, come vengono pagate le tasse”, ha detto. “Quello che dobbiamo davvero capire è come passare dallo stato in cui ci troviamo ora”, ha detto.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed