Buffon: “Passare il Mondiale? Il minimo per gli Azzurri rientrati in Italia”

Buffon: “Passare il Mondiale? Il minimo per gli Azzurri rientrati in Italia”

0

L’avventura dell’Italia a Euro2024 si è conclusa con la sconfitta contro la Svizzera negli ottavi di finale. Dopo la conferenza stampa tenutasi a Iserlohn con il presidente federale Gravina e il ct Spalletti, la Nazionale ha fatto ritorno in patria.

L’aereo che trasportava la squadra è atterrato a Malpensa intorno alle 18.30, dove una parte dei giocatori, il ct e il capodelegazione Gigi Buffon sono scesi. Successivamente, un secondo gruppo ha proseguito fino a Roma. Il ritorno è avvenuto in silenzio, con pochi tifosi presenti e nessuna contestazione, solo qualche timida richiesta di selfie.

I giocatori sono apparsi scossi e silenziosi, eccezion fatta per Buffon, il quale ha risposto alle domande dei giornalisti. Il portiere ha parlato dell’esperienza vissuta durante il torneo, ammettendo che c’erano aspetti da migliorare che purtroppo non sono stati risolti durante la competizione.

La delusione è palpabile, ma Buffon sottolinea l’importanza di smaltirla velocemente per prepararsi alle prossime sfide. In autunno inizierà la Nations League, seguita dal cammino verso la qualificazione ai Mondiali del 2026, obiettivo imprescindibile per il futuro della Nazionale.

Non mancano le riflessioni sulle prestazioni del gruppo, con Buffon che ammette che bisogna fare passi in avanti convincenti per evitare di ripetere gli errori degli ultimi anni. La qualità non manca, ma è necessario un impegno maggiore da parte di tutti.

L’ex portiere non risparmia critiche verso se stesso e il resto della squadra, assumendosi pienamente le responsabilità per il fallimento a Euro2024. Ora è il momento di analizzare gli errori e prepararsi per il futuro, con l’obiettivo di ritornare ai vertici del calcio internazionale.

La delusione non deve fermare il cammino dell’Italia, ma deve essere il motore per migliorare e ambire a traguardi sempre più importanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *