Jake Gyllenhaal: come la “ciecità legale” gli offre vantaggi

Jake Gyllenhaal: come la “ciecità legale” gli offre vantaggi

0

Jake Gyllenhaal ha recentemente rivelato in un’intervista con The Hollywood Reporter di essere “legalmente cieco” e ha affrontato la sua disabilità visiva con una prospettiva sorprendentemente positiva. A 43 anni, Gyllenhaal ha descritto il suo stato come vantaggioso, trovando momenti di riflessione quando è senza occhiali al mattino. Per lui, è un momento in cui può essere solo con se stesso.

Sin da bambino, Jake Gyllenhaal ha dovuto affrontare diversi problemi visivi. A sei anni gli fu diagnosticato un occhio pigro, ma fortunatamente si risolse naturalmente nel tempo. Oggi, per vedere chiaramente, Gyllenhaal ha bisogno di lenti correttive estremamente forti o di occhiali con lenti così spesse che li paragona ai “fondi delle bottiglie di Coca-Cola”.

Nella scala di misurazione americana, la sua vista è classificata come 20/1250, il che significa che ciò che una persona con vista normale può vedere a 1250 piedi di distanza, lui può vederlo solo a 20 piedi.

Questa disabilità visiva ha influenzato la carriera di Gyllenhaal in modo unico, permettendogli di immergersi nei personaggi che interpreta e trasformando una limitazione in una fonte di forza e creatività. Nel film sportivo Southpaw, ha addirittura deciso di togliersi le lenti a contatto per una scena drammatica, concentrando la sua interpretazione sull’ascolto e sulla percezione degli altri attori in modo più intenso. I suoi occhiali, che spesso paragona a quelli di Paul Newman, sono una fonte di ispirazione per lui.

Gyllenhaal ama lavorare su progetti che lo sfidano e che suscitano timore, perché cerca sempre di scoprire nuovi lati di sé stesso. “Voglio parti che mi svelino cose che non conosco ancora di me stesso,” ha dichiarato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *