Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

In Italia, tornare al lavoro può dipendere dall’avere gli anticorpi giusti

NY TIMES – Pesando un’idea che una volta sarebbe potuta essere relegata nella fantascienza, l’Italia si ritrova ancora una volta nella sfortunata avanguardia delle democrazie occidentali alle prese con il coronavirus.

In Italia c’è una crescente sensazione che il peggio possa essere passato. Le settimane di chiusura del paese, centro dell’epidemia di coronavirus più mortale del mondo, potrebbero iniziare a ripagare, dato che i funzionari hanno annunciato questa settimana che il numero di nuove infezioni era aumentato.

Quel barlume di speranza ha trasformato la conversazione nella sfida scoraggiante di quando e come riaprire senza scatenare un’altra ondata cataclismica di contagio. Per fare ciò, i funzionari sanitari italiani e alcuni politici si sono concentrati su un’idea che una volta avrebbe potuto essere relegata nel regno dei romanzi distopici e dei film di fantascienza.

Avere i giusti anticorpi contro il virus nel sangue – un potenziale marker di immunità – potrebbe presto determinare chi si mette al lavoro e chi no, chi è bloccato e chi è libero.

Questo dibattito è in qualche modo in anticipo rispetto alla scienza. I ricercatori non sono sicuri, se speriamo, che gli anticorpi indichino effettivamente l’immunità. Ma ciò non ha impedito ai politici di afferrare l’idea quando subiscono una pressione crescente per aprire le economie ed evitare di indurre una diffusa depressione economica.

Il presidente conservatore della regione nord-orientale del Veneto ha proposto una speciale “licenza” per gli italiani che possiedono anticorpi che dimostrano di aver avuto e sconfitto il virus. L’ex primo ministro, Matteo Renzi, un liberale, ha parlato di un “Covid Pass” per i non infetti.

Il primo ministro Giuseppe Conte ha affermato che, mentre il blocco è rimasto in atto, il governo ha iniziato a lavorare con gli scienziati per determinare come rimandare al lavoro le persone che si sono riprese.

Con i suoi echi di un “Brave New World”, il dibattito su come riaprire è arrivato sul serio la scorsa settimana in Italia. Come il bilancio schiacciante del virus – 15.362 morti in Italia a partire da sabato sera – il passaggio è avanti rispetto a paesi come Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti, dove il contagio è ancora in ripresa.

L’Italia è stato il primo paese europeo ad annunciare un blocco a livello nazionale, iniziato il 9 marzo . Ma il tasso di nuove infezioni ha rallentato questa settimana – sabato, ci sono stati circa 4.800 nuovi casi, meno che nelle ultime settimane – portando i funzionari e gli operatori sanitari di emergenza a parlare con l’ottimismo custodito.

“Stiamo cominciando a vedere la luce alla fine del tunnel”, ha detto Fabio Arrighini, supervisore di una hotline di ambulanze nella città lombarda di Brescia, che ha uno dei più alti tassi di mortalità in Italia. “Le chiamate sono diminuite.”

Ma il dibattito su una forza lavoro basata sugli anticorpi ha posto ancora una volta l’Italia allo sfortunato avanguardia delle democrazie occidentali alle prese con il virus, le sue scomode scelte etiche e le inevitabili conseguenze. Tali domande sono già state sollevate dalle decisioni strazianti dei medici di curare i giovani, con una migliore possibilità di vita, prima degli anziani e dei malati.

Ma a un certo punto, quasi tutti i governi dovranno trovare un equilibrio tra garantire la sicurezza pubblica e far funzionare nuovamente i loro paesi. Potrebbero anche trovarsi a valutare ciò che è meglio per la società rispetto ai diritti individuali, usando criteri biologici in modo che quasi sicuramente verrebbero respinti in assenza dell’attuale emergenza.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed