Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Risultati Serie A: nel giorno di Totti, il Crotone resta in A

CROTONE – LAZIO 3-1

Il Crotone resta aggrappato in Serie A. Venti punti in 9 partite, una salvezza meritata. La Lazio perde un posto in classifica, venendo superata dall’Atalanta. La città è in festa, è un’impresa che resterà nella storia. I calabresi ci credono e vogliono restare nella massima serie. Al quarto d’ora sono già in vantaggio: Rohden crossa dalla destra e Nalini insacca col piattone destro. Non basta, dopo 10 minuti arriva anche il 2-0. Calcio di punizione di Barberis, Falcinelli prende la scala a pioli, la monta in mezzo al campo, e svetta più in alto di tutti firmando il 2-0. Nella seconda metà del primo tempo, però, Patric cade giù in area e l’arbitro assegna rigore. Immobile si presenta dal dischetto e non sbaglia, 2-1. Bastos entra con troppa foga su Nalini, secondo giallo ed espulsione. Il secondo tempo vede una Lazio arresa alle arrembate calabresi e un Nalini straripante, che chiude il match siglando di testa il 3-1 su angolo di Barberis e spizzata di testa di Ferrari, che lo favorisce. Il Crotone resta in A.

PALERMO – EMPOLI 2-1

L’Empoli scende in Serie B. Il Palermo, già retrocesso, non regala il match e garantisce la regolarità del campionato. Ciò fa onore ai rosanero. L’Empoli deve fare a meno di Skorupski, Buchel ed El Kaddouri. Partono meglio i toscani, con due occasioni create da Diousse e Thiam concluse in maniera imprecisa. Fulignati non fa sconti e copre bene i pali. Nel primo tempo meglio l’Empoli. La seconda frazione parte ancora a favore degli ospiti che non capitalizzano una grande occazione con Maccarone al 57′. Gli empolesi non riescono a trovare il vantaggio e si innervosiscono, in preda all’ansia per un cronometro che scorre ed un Crotone in vantaggio. Al 69’ ci prova Krunic, ma il suo diagonale sfiora il palo. Il Palermo difende e riparte. Al 76’, ecco il gol della resistenza, frutto della pazienza di saper chiudersi dietro e attaccare al momento giusto. Ci pensa Nestorosvki, ancora una volta in questa stagione. L’Empoli entra in panico e si butta in avanti. Il mancato equilibrio favorisce i rosanero che all’84’ trovano il raddoppio con Bruno Henrique, con un pallonetto che scavalca Pelagotti. I toscani tentano il tutto per tutto e accorciano le distanze con Krunic, di testa, dopo due minuti. All’88’, gli ospiti sfiorano il pari, ma al fischio finale si ritrovano in Serie B.

SAMPDORIA -NAPOLI 2-4

Il Napoli cala il poker, ma la vittoria della Roma lascia i partenopei al terzo posto. Gli azzurri giocheranno i preliminari di Champions League. Le due squadre vogliono vincere e si sfidano a viso aperto. Fernandes cerca due volte la conclusione giusta, ma è impreciso. Il Napoli sale in cattedra al 36′, con il solito Dries Mertens, che coglie sul fatto Regini e segna il suo 28° gol in campionato. Al 42′, Insigne raddoppia con un gioiellino: trenta metri di corsa e poi il tiro a giro su cui nulla può il portiere avversario. Nella ripresa, il Napoli infierisce. Hamsik al 49′ sigla lo 0-3, di testa. Quagliarella mette in rete il cliché del gol dell’ex. Poi, Callejon e Alvarez arricchiscono il tabellino. Il Napoli è terzo in classifica.

ROMA – GENOA 3-2

La Roma conquista il secondo posto in classifica, ma questa giornata è esclusivamente dedicata all’addio di Totti. Il pubblico, più che assistere alla partita, ha vissuto in trepidante ammirazione gli ultimi minuti del proprio capitano con la maglia giallorossa. Il match è stato un contorno, nonostante la sua importanza. C’è aria di apprensione, anche in campo. Il Genoa, disinteressato alla faccenda, ne approfitta e passa in vantaggio dopo due minuti: in gol il giovane Pellegri, al primo gol in A. Palladino dopo 7 minuti colpisce il legno della porta, con Szczesny in uscita. La Roma si sveglia e capisce che l’ultima partita di Totti non può essere una sconfitta e non può far perdere il secondo posto in classifica. La Roma, così, un minuto dopo, pareggia i conti con Dzeko, che prima colpisce il palo e poi spinge il pallone in rete di petto. Ecco che la Roma torna in partita e prova ad agguantare il vantaggio. Totti si alza dalla panchina per riscaldarsi, lo stadio trattiene il respiro, poi lo chiama a gran voce. Al 51′, ecco l’ingresso in campo. Il passaggio di consegne viene illuminato dal destino sul gol del 2-1: perché sull’assist di Dzeko, c’è Daniele De Rossi, capitan futuro, a spingere la sfera in rete. De Rossi segna e bacia il 10 stilizzato sulla propria maglia, in onore del capitano uscente. Il Genoa, però, non è uno spettatore non pagante e rientra in partita a costo di passare per guastafeste. Al 34′, infatti, Lazovic, approfitta di un’uscita avventata di Szczesny e segna di testa, facendo passare la sfera tra Fazio e Manolas. Lazovic si esalta e due minuti dopo colpisce il palo, complice una deviazione del portiere avversario. Siamo sul finale, lo stadio trema. Non si può salutare Totti con una delusione in campionato. È il 90′, Fazio mette un buon pallone in mezzo all’area piccola, Perotti infila il sinistro e segna. Urla, lacrime, applausi. Tutti sotto la curva, anche Spalletti, anche Totti. Poi, si chiude il sipario, si riapre e c’è solo Totti, in mezzo al campo, con i riflettori puntati addosso a rendere ben visibili le lacrime. Uno stadio a cantare, un saluto commovente. Ciao Francesco, è stato un piacere.

CAGLIARI – MILAN 2-1

Una partita disinteressata per entrambe le squadre. Cagliari e Milan si affrontano sapendo di non aver nulla da perdere, ma il ritmo è davvero lento. C’è stato tempo per gli esordi di rito, per il turnover, per le chiacchiere sul futuro. Honda capitano, Bacca titolare all’ultima in rossonero. Passano solo 6 minuti ed il Cagliari scheggia la traversa: Joao Pedro lancia Farias, che crossa per Ionita, ostacolato dalla traversa. Passano poco più di 15 minuti e i sardi passano in vantaggio: con Joao Pedro, di destro, su assist di un Borriello strepitoso in questa stagione. Prima del termine della prima frazione, i rossoneri provano a pareggiare, ma l’esordiente Crosta salva sulla linea. Nella seconda frazione, vengono assegnati due rigori per il Milan: il primo sbagliato da Bacca, che trova l’opposizione del giovane portiere avversario, il secondo segnato da Lapadula, al 72’. Dall’altro lato Farias, Joao Pedro e Deiola, impegnano Donnarumma, bravo ad opporsi. Poi, nel recupero, il gol di Pisacane “rovina” tutto e regala un finale di stagione più bello ai sardi.

BOLOGNA – JUVENTUS 1-2

Nonostante il turn over massiccio, la Juventus supera il Bologna nell’ultima giornata di campionato di Serie A. In campo nei bianconeri c’è Audero, il terzo portiere. I titolari sono 4 su 11, in vista della finale di Champions del 3 giugno. Neanche il Bologna ha più nulla da chiedere a questo campionato, concluso salvandosi in tranquillità. La partita mette in mostra ritmi blandi. Nella prima frazione ai bianconeri viene annullato un gol a Sturaro per fuorigioco, i felsinei ci provano con Destro, Higuain sfiora il vantaggio. Il secondo tempo dà una scossa alle due formazioni e, dopo soli 7 minuti, i padroni di casa passano in vantaggio: Taider, dopo un’azione personale, sfodera un destro a giro che si insacca sotto il sette, su cui Audero è incolpevole. Il pareggio giunge al 70′ con il solito Dybala, che raccoglie la respinta di Da Costa su Higuain e insacca. La Juventus capisce che ora la può vincere e allo scadere del match trova il gol con il classe 2000 Moise Kean, che sigla il suo primo gol in Serie A, di testa. È il primo 2000 a segnare nella prima divisione nazionale in tutta Europa. Ora testa a Cardiff.

ATALANTA – CHIEVO 1-0

L’Atalanta è in Europa ed è anche quarta in classifica, scavalcando la Lazio, quinta. C’è stato tempo anche per celebrare l’addio al calcio di Migliaccio e Raimondi, che resteranno, con altri ruoli, all’interno della società nerazzurra. Proprio Raimondi viene schierato al posto di Spinazzola, Cristante al posto di Kessié, il resto è la formazione titolare. Nel Chievo ci sono Depaoli e De Guzman al posto di Castro e Radovanovic, Seculin e non Sorrentino. Il match è frizzante, il Chievo, nonostante giochi da disinteressato riguardo agli obiettivi stagionali già raggiunti, tiene i ritmi alti. De Guzman impegna subito Gollini, che si distende bene, poi il Papu Gomez costringe agli straordinari Seculin. Il secondo tempo è più fortunato per il Papu, che dopo solo 7 minuti trova il gol del vantaggio su assist di Cristante. L’Atalanta prova a raddoppiare con Petagna e Cristante, ma non riesce. All’82’ il Chievo ha l’opportunità di pareggiare: Pellissier trova il filtrante per Spolli, che solo contro Gollini non riesce a segnare. Il match termina così, l’Atalanta sogna.

Alberto Di Girolamo

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed