Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Trump, cellulari controllati ai collaboratori: Bush lo attacca

Donald Trump non smette di far parlare di sé. Domenica sera, alla cena con i governatori di Washington, il presidente americano ha fatto sapere che aumenterà a 54 miliardi di dollari gli stanziamenti per le forze armate. Saranno finanziate misure per la sicurezza pubblica e nazionale e si punta a far tornare l’America come prima forza armata al mondo. Durante la cena stessa, il presidente-tycoon ha fatto controllare i cellulari dei presenti per evitare fughe di notizie.

Il  New York Times fa sapere che i soldi da destinare all’esercito verranno ricavati dai tagli sui programma di cooperazione e sostegno all’estero. Stessa sorte per i fondi dell’agenzia per la protezione dell’ambiente. Trump non sembra star preparando una buona base per la pace mondiale. Lo stesso presidente, pochi giorni fa, giustificando la sua posizione, ha detto: “Se vuoi la pace, prepara la guerra”.

Prosegue la lotta del presidente americano contro i media. È caccia alla fonte causante la fuga di notizie. Durante la riunione, il vicepresidente Spicer ha rimproverato i collaboratori, lanciando pesanti accuse. Spicer ha messo in guardia dal non far uscire né gli argomenti trattati in riunione, né il controllo dei cellulari effettuato su tutti i collaboratori all’ingresso della conferenza.

Si schiera contro Trump, a sorpresa, anche l’ex presidente George W. Bush: “Il potere può creare dipendenza e può essere corrosivo. È importante che i media mettano questa gente davanti alle proprie responsabilità. I media sono indispensabili per la democrazia”.

Lingua predefinita del sito

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed